Home / America / Caraibi: quando andare
caraibi

Caraibi: quando andare

Tutti conosciamo i Caraibi o almeno una volta nella vita abbiamo sentito parlare delle loro splendide spiagge.
Chiunque ha notizia della bellezza delle Bahamas, delle Piccole e Grandi Antille, Cuba, Panama, Haiti, Porto Rico e Isole Vergini, solo per citarne alcune. Protagoniste non solo di innumerevoli film per la loro bellezza che ne ha fatto un set cinematografico ideale in un infinito numero di produzioni hollywoodiane.

Luoghi incantati

Sabbia dorata e mare cristallino, acqua tiepida e sole pronto a regalare un’abbronzatura da fare invidia a chiunque.
A tutto questo fanno da contorno una natura ancora in gran parte selvaggia e incontaminata, perfetto scenario nel quale sono state inserite strutture recettive all’avanguardia pronta a coccolare e viziare i turisti.
Stessa cosa si può dire della popolazione locale, da sempre ben conosciuta per il calore con cui offre il suo benvenuto ai visitatori di ogni parte del mondo.
Se vogliamo andare in questo angolo di paradiso però è bene che scegliamo accuratamente come pianificare la nostra vacanza.
Vogliamo che rimanga impressa nella nostra memoria come una delle esperienze più belle di sempre, godendo fino in fondo ogni momento della nostra vacanza!

Il clima ideale

Prima di tutto dobbiamo tener conto che per tutto l’anno la temperatura media è di circa 29° e ben ventilato, abbastanza umido, con violenti rovesci solo in quella che è la nostra estate. Per questa ragione la maggior parte dei turisti sceglie il periodo che va da dicembre a circa metà di aprile per visitare queste zone incantevoli.

La ragione per cui si consiglia il suddetto periodo per andare ai Caraibi, è che nonostante le temperature non cambino di molto, tuttavia il rischio di trovarsi di fronte a veri e propri uragani tropicali è piuttosto elevato.

In ogni caso, non vi preoccupate perché difficilmente troverete strutture alberghiere aperte nel periodo delle grandi piogge, considerando il rischio causato dalle condizioni meteo e dalla mancanza di turisti.

Il pericolo uragani e piogge tropicali, al contrario, è quasi completamente assente nel periodo che per noi è invernale, in cui il clima si stabilizza, trasformando le isole in quelle che hanno meritatamente acquisito la fama di paradisi caraibici.

Se proprio non doveste riuscire ad abbandonare la città nei periodi indicati e doveste scegliere il momento compreso tra maggio e settembre, allora il suggerimento che vi posiamo dare è di recarvi nelle isole di St. Martin, St. Bart o Anguilla, dove un particolare microclima rende gradevoli anche questi periodi, pur con qualche sporadico acquazzone.

In fondo pochi giorni di pioggia non potranno rovinare una così tanto a lungo sognata vacanza e l’ospitalità tipica di queste isole saprà ripagare abbondantemente il disagio causato da qualche temporale.

Leggi anche

guatemala

Guida Guatemala

I Maya non hanno lasciato tracce della loro civiltà solo in Messico. Lo hanno fatto ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *