Home / Consigli di viaggio / Consigli per scattare foto in viaggio
Foto in viaggio

Consigli per scattare foto in viaggio

Un fotografo amatoriale intenzionato a realizzare scatti indimenticabili nel corso di un viaggio non può fare a meno di dedicare la giusta attenzione alle attrezzature di cui si servirà a questo scopo. Quali sono le macchine fotografiche da privilegiare in un contesto del genere? Ognuno di noi ha esigenze specifiche, ma certo è che le compatte garantiscono una comodità più che apprezzabile, anche perché hanno il pregio di far tutto in automatico, senza che l’operatore debba intervenire. In realtà, quello che per molti è un punto di forza, per alcuni potrebbe apparire uno svantaggio, dal momento che le modalità che vengono impostate non sono scelte da chi scatta ma vengono stabilite con un automatismo: di conseguenza, non sempre le attese dell’operatore vengono assecondate e i suoi desideri esauditi.
Sul catalogo di Yeppon, all’indirizzo https://www.yeppon.it/fotocamere-digitali/, è possibile trovare un vasto assortimento di fotocamere digitali tra cui scegliere quella da portare in viaggio con sé, ma quali caratteristiche è meglio tenere in considerazione?

Meglio una compatta o una reflex?

Resta da capire, a questo punto, se sia meglio fare affidamento su una compatta o se, piuttosto, non sia preferibile una reflex. Le compatte presentano il limite dell’automatismo messo in evidenza poco sopra, ma è anche vero che tale impostazione può essere modificata: è sufficiente esplorare il menù della fotocamera per riuscirci. Molto più semplice è la gestione delle reflex, e non solo per la varietà dei modelli a disposizione sul mercato: con un pizzico di buona volontà e di applicazione si possono ottenere i migliori risultati auspicati.

I vantaggi della reflex

Sono molti i modelli di reflex che si rivelano accessibili anche a chi non è un professionista del settore: nel momento in cui si compra una reflex consumer, si è già certi di poter contare su un obiettivo fornito in dotazione che, pur non rappresentando il massimo dal punto di vista della qualità, si fa apprezzare per la sua versatilità e per i molteplici impieghi a cui si presta. Così, si è liberi di decidere se optare per degli zoom dettagliati o se privilegiare degli scatti eseguiti con un grandangolo piuttosto ampio. Il consiglio è quello di fare pratica prima con questo obiettivo, e solo in un secondo momento, una volta che si è diventati esperti, provare a mettersi in cerca di altri. In questo modo si è certi di poter compiere la scelta giusta, dopo aver compreso in pieno i propri bisogni, le proprie preferenze per ciò che riguarda i soggetti da immortalare e i propri gusti per quanto concerne le modalità di scatto.

Come gestire la propria macchina fotografica

Nel corso di un viaggio è bene adottare delle precauzioni ad hoc per fare in modo che la macchina fotografica non si rovini o non subisca dei danni. Specialmente se si è abituati a spostarsi molto, non è da sottovalutare l’idea di affidarla di tanto in tanto a un centro di assistenza dove possa essere pulita, per evitare che i grani di polvere compromettano la qualità delle foto (certo, la loro presenza potrebbe comunque essere eliminata in post produzione, ma perché complicarsi la vita?). Ovviamente la macchina non dovrebbe essere utilizzata sotto la pioggia, così come è bene metterla via quando si ha a che fare con tempeste di sabbia. Il vero nemico a cui si deve prestare la massima attenzione, tuttavia, deve essere identificato nell’umidità. Se è vero che per le macchine professionali è prevista una protezione ad hoc, è altrettanto vero che per le fotocamere consumer ci si può accontentare di un sacchetto di plastica al cui interno inserire delle bustine di silica gel, come quelle che si trovano nelle scatole di scarpe: esse, infatti, svolgono un’azione deumidificante.

Quali accessori portare?

Infine, prima di un viaggio si deve pensare a quali accessori per la fotocamera è bene portare con sé: i più esperti possono mettere in valigia più di un obiettivo, ma anche il cavalletto è sempre utile. In linea di massima, comunque, meno attrezzi si portano e meglio è, non solo per una questione di comodità, ma anche per un fatto di sicurezza: borsoni ingombranti potrebbero allettare i malintenzionati, specialmente nei posti più a rischio.

Leggi anche

notre dame de paris

I 5 monumenti più visitati al mondo

Se sei un appassionato di viaggi e ti piace osservare la bellezza in ogni luogo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *