Home / Europa / Guida Polonia: consigli di viaggio
cracovia

Guida Polonia: consigli di viaggio

Viaggio in Polonia: il periodo migliore

La Polonia è una realtà decisamente affascinante e senza dubbio il periodo migliore per visitarla è quello che va da maggio a settembre. Più nello specifico, se si cerca una vacanza prevalentemente sulle spiagge del Mar Baltico, il periodo più indicato da un punto di vista climatico quello tra giugno e luglio, mentre se si vuole scoprire la Polonia in ogni sua sfaccettatura, allora conviene recarvisi tra maggio e giugno, quando il clima è caratterizzato da temperature miti e presenza di giornate prevalentemente soleggiate e ventose.

Polonia: cosa vedere

La Polonia è un Paese che ha davvero molto da offrire sia da un punto di vista naturalistico che storico-artistico. Per quanto riguarda il primo aspetto si deve senza dubbio citare il Parco Nazionale di Bialowieza, che è solo uno dei tanti Parchi Nazionali polacchi. Questa riserva naturale si caratterizza per una particolarità, ovvero quella di ospitare il Bisonte europeo, che è una delle specie animali più antiche del Vecchio Continente. Questa grande attrazione naturalistica si trova al confine con la Bielorussia e anche se è difficilmente raggiungibile, lo sforzo verrà ampiamente ricompensato. Per quanto riguarda le città si potrebbe cominciare da Cracovia, che ha molto da offrire, a cominciare dalle miniere di sale di Wielicka: questa è un’attrazione davvero affascinante e non si può che rimanere colpiti. Ma purtroppo l’uomo è da sempre capace anche di orrori indicibili: a pochi km da questo esempio dell’ingegno umano si trova infatti il Museo di Auschwitz: qualsiasi parola per descrivere questo luogo sarebbe insufficiente. Sempre rimanendo nella parte orientale del Paese, merita una visita Lublin: questa è la realtà universitaria più importante della Polonia ed è una delle culle della storia polacca. Poco distante si trova Zamosc, conosciuta con il nome di “Padova del Nord” perchè l’architetto che ne disegnò la forma era di Padova e si chiamava Bernardo Morando. Questa città è interessante non solo per le sue caratteristiche architettoniche rinascimentali, ma anche per la presenza della riserva di Roztocze: si può proprio dire che Zamosc è una città dove cultura e natura creano un mix affascinante.
Ovviamente un viaggio in Polonia non può non comprendere Varsavia, che negli ultimi anni è divenuta una delle capitali europee più apprezzate dai turisti, che apprezzano il mix formato dalle costruzioni di epoca sovietica e da quelle del passato più risalente e di un presente caratterizzato da un impetuoso sviluppo economico. Tra i luoghi da visitare, culturalmente parlando, vi è sicuramente il Museo della Resistenza di Varsavia, che racconta molto della storia polacca.
Infine, merita una visita anche Cracovia, che è considerata la capitale “storica” del Paese. Questa città ha conosciuto un boom turistico grazie al fatto che qui Giovanni Paolo II fu vescovo prima di diventare Papa. Molto interessante è il Castello di Cracovia, dove si può ammirare una delle opere più note frutto del genio di Leonardo Da Vinci.

Come arrivare

Per arrivare in Polonia si possono utilizzare aerei o treni. Per quanto riguarda i voli, la maggior parte atterrano a Varsavia e vi sono collegamenti anche con l’Italia. Alcune compagnie low cost negli ultimi anni hanno inserito tra le proprie destinazioni anche altre città polacche, a dimostrazione dell’importanza che la Polonia ha assunto dal punto di vista turistico. Il Paese è raggiungibile anche in treno: per chi arriva dall’Italia bisogna prima di tutto arrivare a Parigi e poi cambiare due treni, la prima volta a Colonia e poi a Bruxelles.

Leggi anche

svezia

Guida di viaggio per la Svezia

C’è un posto, incastonato nell’Europa settentrionale, dove un sogno di una notte può trasformarsi in ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *