Home / Europa / Guida Ungheria
guida ungheria

Guida Ungheria

Passaporto e visto per l’Ungheria

Tutti i cittadini provenienti dall’area Schengen (Stati che appartengono all’Unione europea) e che hanno intenzione di visitare l’Ungheria devono sottoporsi a controlli al momento della loro entrata nel Paese. Ovviamente, a tali controlli sono necessariamente sottoposti anche i cittadini italiani. Per tale ragione, prima di partire, è fondamentale assicurarsi di avere con sé il passaporto o la carta d’identità in corso di validità. I visitatori in possesso di tali documenti possono soggiornare in Ungheria per 3 mesi. I visitatori che non hanno ancora compiuti 15 anni per recarsi in Ungheria devono essere muniti di passaporto. A tale riguardo, è interessante fare presente che la carta di identità non è valida per soggiornare in Ungheria.

Quando andare in Ungheria

Senza alcun dubbio, il periodo ideale per organizzare un viaggio o una vacanza in Ungheria è la stagione primaverile, tenendo conto che, comunque, nel mese di maggio possono verificarsi rovesci piuttosto consistenti. In Ungheria l’estate è molto lunga, soleggiata e particolarmente calda. Per tale ragione, in agosto Budapest si svuota. Il periodo autunnale, invece, è piacevole quasi come la primavera, soprattutto se si decide di trascorrere un soggiorno in collina o nelle località vicine a Budapest o, magari, sulle alture dei Bukk e dei Matra. Anche in inverno in Ungheria si possono trovare bellissime giornate di sole ma, purtroppo, decisamente troppo fredde per poter visitare i siti di interesse in piena tranquillità. In linea di massima, le giornate più fredde sono nel mese di gennaio. In ogni caso, le temperature invernali sono davvero molto basse e, talvolta, la temperatura non supera lo zero neanche nelle ore diurne.

Viaggio in Ungheria: quanto stare

Per prima cosa, è necessario tenere conto del fatto che la durata del soggiorno in Ungheria dipende esclusivamente dal motivo del viaggio. Si può decidere di andare in Ungheria per scoprirne tutti i luoghi di interesse o, magari, per rilassarsi alle terme o al lago. Una cosa è certa: per visitare Budapest e le località limitrofi sono sufficienti pochi giorni. Un week-end, ad esempio, può bastare per visitare la capitale e per vedere Szentendre, una bellissima località bagnata dalle acque del Danubio e sita ad appena 20 km da Budapest. Se, invece, si decide di soggiornare in Ungheria più di due giorni, si può visitare le terme o, magari, il suggestivo zoo. L’Ungheria può essere la meta ideale anche per una lunga vacanza. In questo caso, si può decidere di recarsi al lago di Balaton, particolarmente adatto per i bambini grazie all’acqua bassa e non troppo fredda, o nei bellissimi centri termali tra cui Zalakaros, Hévìz e Széchenyi.

Da mettere in valigia

L’abbigliamento ideale per recarsi in Ungheria deve essere pratico e decisamente molto informale. Ovviamente, è consigliabile mettere in valigia qualche capo più pesante per la sera, soprattutto se avete intenzione di recarvi in Ungheria nei mesi estivi. Da non dimenticare, poi, sono scarpe comode, un ombrello, un impermeabile e tutto il necessario per il primo soccorso. Inoltre, sarebbe opportuno avere in valigia un insettifugo e un adattatore.

budapest

Come arrivare: i voli per l’Ungheria

Per raggiungere l’Ungheria è possibile usufruire di comodissimi voli che collegano gli scali di Roma e Milano a Budapest. Tali voli sono offerti da Alitalia e dalla compagnia ungherese Malev Hungarian Airlines. La compagnia di bandiera ungherese mette al servizio dei viaggiatori ben due voli giornalieri anche dagli scali di Venezia e di Bologna. La compagnia Skyeurope collega Budapest ogni giorno da Orio al Serio, Venezia, Roma, Bologna e Napoli. Da Roma verso Budapest vola anche Wizzair. Budapest può essere raggiunta anche con voli operati da Austrian Airlines con scalo a Vienna, con voli operati da Lufthansa con scalo a Monaco e o a Francoforte o con voli operati da Swissair con scalo a Zurigo.

Raggiungere l’Ungheria in treno, autobus o automobile

Inoltre, l’Ungheria può essere comodamente raggiunta anche in treno. Ogni giorno, infatti, da Venezia parte un treno che impiega circa 14 ore per arrivare a Budapest. La capitale Ungherese può essere addirittura raggiunta in autobus. Da Roma, Firenze, Bologna e Venezia vi sono partenze plurisettimanali e dal mese di maggio a settembre è anche prevista una seconda corsa da Venezia. Partenze in autobus sono anche previste da Padova, Milano, Tornino e Brescia e da Ravenna, Rimini, Riccione e Cattolica. Un’opzione da non sottovalutare è rappresentata dall’automobile. Per arrivare in Ungheria in auto è consigliabile imboccare l’autostrada e seguire la tratta Milano-Tarvisio-Vienna-Budapest. Da Milano i chilometri sono in totale 1090. Per risparmiare qualche kilometro è possibile fare la tratta Milano-Tarvisio-Graz-Furstenfeld-Rabafuzes-Veszprem-Budapest. Nel caso in cui si dovesse partire da Venezia è possibile passare attraverso la Solvenia e la Croazia e raggiungere la frontiera dell’Ungheria da Letenye. Chi decide di raggiungere l’Ungheria in automobile deve essere munito del bollino elettronico per poter pagare il pedaggio autostradale. Esso può essere acquistato prima di arrivare in Ungheria sia in Austria che in Slovacchia o nelle varie stazioni di servizio presenti sulle autostrade ungheresi. Il bollino costa 2.300 fiorini ed è valido per 10 giorni. Al costo di 3.900 fiorini, invece, la durata del bollino è di un mese. In ultimo, è interessante fare presente che Budapest è raggiungibile anche in aliscafo da Vienna risalendo il Danubio. Il servizio, però, è attivo sono da aprile ai primi di novembre e la traversata dura 5 ore e 30 minuti.

Spostarsi e trasporti pubblici

Mezzi pubblici

In merito ai mezzi pubblici con i quali spostarsi durante un soggiorno in Ungheria, per prima cosa è opportuno fare presente che il servizio ferroviario, oltre ad essere affidabile, è economico e, soprattutto, puntuale. Esso è consigliabile per le lunghe percorrenze. La stazione centrale si trova a Budapest e da lì partono sia gli InterPici che gli InterCiry diretti alle più grandi città del paese. Nei mesi estivi sono, poi, previste tratte con un treno a vapore che collegano Budapest al lago Balaton in cui trascorrere piacevoli giornate all’insegna del relax. Gli autobus sono altrettanto convenienti e offrono la possibilità di raggiungere anche località più remote. Essi sono caratterizzati dal colore. Quelli giallorossi, ad esempio, sono di lunga percorrenza. Quelli, invece, di colore giallo collegano Budapest alle località più vicine. Per acquistare i biglietti è possibile rivolgersi all’autista dell’autobus.

Mezzi a noleggio

Una cosa è certa: il mezzo più comodo con il quale visitare l’Ungheria rimane l’automobile. Per noleggiare un’automobile è sufficiente recarsi presso le agenzie di autonoleggio sia internazionali che locali. Per noleggiare una macchina basta avere 21 anni ed avere la patente da almeno un anno. Le arterie del Paese sono ben tenute e, dunque, è possibile viaggiare in totale serenità. Al di fuori dei centri abitati, è necessario tenere accesi i fari anabbaglianti anche nelle ore diurne. Come anticipato, nelle autostrade è necessario avere il bollino elettronico. Ai viaggiatori si ricorda anche che la tangenziale della capitale non è a pagamento. Un’informazione molto importante riguarda il fatto che in Ungheria non è consentito un tasso alcolico al di sopra dello 0%. I controlli sono a dir poco severi e, se trovati alla guida con un tasso superiore allo 0%, viene sospesa la patente.

Altri mezzi

Per muoversi in Ungheria è possibile anche utilizzare i traghetti che collegano Budapes ad Esztergom. Il traghetto è il mezzo di trasporto ideale per fare delle meravigliose escursioni sui laghi Balaton e Velence e sul Tibisco.

Dove dormire in Ungheria : Hotel e pernottamento

Nelle più importanti città dell’Ungheria vi sono moltissimi hotel di varie categorie. In linea di massima i prezzi sono più bassi rispetto a quelli italiani. Se si ha intenzione di risparmiare è necessario prendere in considerazione le pensioni più grandi in cui sono previsti i servizi aggiuntivi come, ad esempio, la colazione, la cena e la lavanderia. Decisamente interessanti sono anche i B&B. In estate le alternative sono molte. Le case in affitto, soprattutto nelle località sui laghi, sono ideali per le famiglie che vogliono trascorrere una vacanza all’insegna del relax.

Cucina ungherese: i piatti tipici

In Ungheria è possibile mangiare sia nei ristoranti internazionali, in cui è possibile mangiare ogni genere di pietanza che nelle trattorie in cui si ha l’opportunità di gustare le specialità locali. I primi si chiamano etterem e le seconde csarda. Per mangiare pietanze a base di pesce è opportuno recarsi nelle halaszcsarsa. In genere, i prezzi sono convenienti. Un pasto in un buon ristorante può costare, ad esempio, circa 15 euro. In Ungheria sono presenti, poi, moltissimi caffè tipici tutti da scoprire.

Clima e meteo in Ungheria

Le montagne che si trovano intorno all’Ungheria dividono il Paese in tre aree. L’area mediterranea a sud, quella atlantica ad ovest e quella continentale ad est. In tutte le zone il clima è variabile e tra estate ed inverno l’escursione termica è notevole. Le piogge sono più frequenti in giugno e luglio e settembre ed ottobre. Le estati sono caldissime e gli inverni rigidi. Nei mesi invernali sono frequenti anche le nevicate.

Leggi anche

Vacanze estate 2017: alla scoperta della Spagna!

Vuoi pianificare una vacanza in Spagna? Leggi la nostra guida alle migliori regioni dove passare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *