Home / Consigli di viaggio / Cosa serve per viaggiare in Islanda senza problemi?

Cosa serve per viaggiare in Islanda senza problemi?

L’Islanda è una meta sempre più richiesta per i viaggi soprattutto se si è in gruppo e si è alla ricerca di mete alternative, differenti dalle più inflazionate. La natura selvaggia, il clima difficile e la conformazione non tradizionale rende questa terra affascinante e non paragonabile alle altre mete turistiche.

Ma per arrivare in Islanda non bisogna improvvisare: alcune scelte devono essere ponderate, senza sfociare in decisioni dell’ultimo minuto. Volete andare a colpo sicuro e organizzare un viaggio in Islanda memorabile? Seguite la nostra breve guida e avrete tutte le risposte di cui necessitate.

Come prepararsi al viaggio: indicazioni utili

Prima che vi mettiate a tavolino a individuare i luoghi più interessanti e suggestivi da visitare in Islanda, dovete tenere conto di tutto quello che vi serve per la vostra vacanza islandese. Ecco una breve guida sui tempi e le modalità di preparazione al viaggio.

I documenti necessari

In primis, per viaggiare regolarmente in Islanda si ha bisogno o di un passaporto o di una carta d’identità valida fino ai tre mesi successivi alla fine del soggiorno islandese: quindi prima di avventurarvi in spiacevoli situazioni che ostacolino la vostra vacanza date un’occhiata alla scadenza del vostro documento e, se opportuno, rinnovateli per tempo.

Ricordiamo che per i cittadini italiani, in quanto appartenenti all’UE e all’area regolamentata dagli accordi di Shengen, basta un semplice e valido documento d’identità per accedere senza problemi in Islanda.

Il periodo migliore per andare in Islanda

Il clima islandese è più mite rispetto alla posizione in cui si trova (latitudine intorno ai 70°) ma comunque resta molto freddo nella stagione invernale e autunnale. Quindi per organizzare un viaggio in Islanda occorre valutare con attenzione la questione climatica, detto questo dobbiamo ricordarci che il tempo cambia molto velocemente e finisce con l’assumere dei connotati così volubili tali da giustificare l’espressione tipica islandese per cui “in un giorno si concentrano quattro stagioni.”

Alla luce di quanto su detto, riteniamo che i periodi migliori per visitare l’Islanda siano quelli di primavera inoltrata (e quindi Aprile e Maggio) e quello estivo (da Giugno ad Agosto): le giornate sono miti e si allungano molto rapidamente, in Estate addirittura si sviluppa il curioso e affascinante fenomeno del sole di mezzanotte (possibile soltanto a quelle latitudini).

Se però non siete amanti della folla e volete ritagliarvi uno spazio più riservato e personale, il nostro spassionato consiglio è di fare la vacanza in Islanda o nel periodo primaverile (con il vantaggio di un clima favorevole) o nel periodo iniziale dell’Autunno (Settembre-Ottobre): in questo modo eviterete assembramenti, godrete di maggiore relax e di un migliore trattamento economico, il che non guasta mai.

Prenotazioni per il soggiorno: no al last minute

Uno degli errori da non commettere per organizzare una vacanza in Islanda è quello relativo alla prenotazione. L’Islanda è una meta sempre più richiesta e non ha una capacità di accoglienza molto elevata: il consiglio da seguire tassativamente è di non prenotare all’ultimo minuto.

Non ci sono alternative, se vuoi viaggiare in Islanda in sicurezza e relax devi avere la sicurezza di un alloggio fisso già prenotato, ecco perché vi consigliamo di avere la massima precauzione e di assicurarvi un posto almeno sei – otto mesi prima del periodo che avete scelto per le vostre vacanze islandesi.

Vi assicuriamo che una volta seguite queste indicazioni, la vostra vacanza islandese potrà iniziare senza problemi!

Leggi anche

Come organizzare un viaggio in Thailandia: tutto quello che devi sapere

La Thailandia, chiamata anche terra del sorriso, è una meta che devi assolutamente visitare. Ricca ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *