Home / Europa / Dove dormire a Rimini?

Dove dormire a Rimini?

Cercando b&b Rimini su portali come expedia.it, non farete fatica a trovare una sistemazione, sia in alta che in bassa stagione. Tuttavia, quando si prenota una stanza per una vacanza, la vera domanda non è tanto come trovarla, ma dove: parlando di Rimini, qual è la zona in cui conviene alloggiare? La risposta dipende da due fattori: il tipo di soggiorno che si ha in mente e il budget che si ha a disposizione.

L’area più turistica e vivace dell’estate riminese va da Rimini centro a Bellariva. Questa è la zona ideale per chi vuole lasciare l’auto ferma ed essere a pochi minuti di cammino non solo dalla spiaggia e dagli stabilimenti, ma anche dai ristoranti, dalle discoteche e dalle attrattive culturali riminesi, come il Tempio Malatestiano e l’arco di Augusto. Anche il quartiere di San Giuliano, famoso per i suoi graffiti, è considerato molto centrale; non è la zona più economica di Rimini, ma la concorrenza per i bed and breakfast è tanta e le buone opportunità non mancano.

Se però volete abbattere i costi dovete spostarvi in periferia. A sud di Rimini, quartieri come Miramare e Rivazzurra sono molti tranquilli e conseguentemente anche economici. Le attrazioni del centro sono più lontane, ma in compenso l’aeroporto è vicino e non mancano le cose da fare (le famose terme, ad esempio, sono da queste parti). Inoltre si tratta di una posizione strategica per chi intende fare un salto anche a Riccione, che da Miramare dista dieci minuti di macchina.

E a nord? Dipende da quanto intendete spingervi: Rivabella è una zona molto apprezzata dalle famiglie proprio per il rapporto qualità prezzo, e con i mezzi pubblici il centro non è così lontano. Ancora più su ci sono i borghi di Igea Marina e di Bellaria: chi alloggia qui difficilmente fa un salto a Rimini, che dista più di un’ora, ma sono località turistiche così bene attrezzate che potreste anche non sentirne la mancanza!

Leggi anche

La provincia di Teramo patria del turismo enogastronomico.

Il turismo enogastronomico, negli ultimi dieci anni, ha riscosso un progressivo interesse che non sembra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *