Home / Africa / Guida Algeria: come organizzare il tuo viaggio
algeria

Guida Algeria: come organizzare il tuo viaggio

Visto e passaporto per l’Algeria

Chiunque voglia recarsi in Algeria deve prima di tutto verificare che il proprio passaporto abbia una validità che arrivi a coprire un arco di sei mesi rispetto al giorno programmato per il ritorno a casa. Il passaporto non è l’unico documento di cui bisogna disporre per poter entrare nel Paese, essendo necessario anche un visto turistico, che è possibile ottenere recandosi presso il Consolato, sia nella sede di Roma che in quella di Milano, a seconda di quello che è il proprio luogo di residenza. Risulta molto importante espletare tutte le pratiche per tempo, considerando che il visto sarà considerato valido solo se arriverà almeno venti giorni prima rispetto al momento della partenza.

Come arrivare: voli e navi

Ma come si può arrivare in questa affascinante realtà? In realtà giungervi è abbastanza semplice, considerando che vi sono diversi voli con partenza dagli scali più importanti del Vecchio Continente e dai Paesi confinati con l’Algeria. Tra le compagnie che effettuano ogni giorno diversi voli verso il Paese vi sono la Air Algerie e la Khalifa Airways, che a differenza della prima garantisce l’arrivo solo ad Algeri e non in altre realtà del Paese. Chi ama viaggiare in mare e vuole effettuare una traversata che lo porti in Algeria, potrà farlo partendo da Marsiglia o anche da Alicante, cittadina situata nel territorio spagnolo.

Religione

L’aspetto religioso va affrontato, considerando che per chi non professa la religione musulmana sono previste alcune restrizioni e vi sono norme penali che puniscono anche con il carcere chi dovesse essere riconosciuto colpevole di proselitismo religioso volto a convertire un musulmano. Da un punto di vista statistico coloro che professano la religione musulmana sono il 99% della popolazione, con una presenza decisamente minima di persone di religione cristiana ed ebraica.

Alcune curiosità sull’Algeria

L’Algeria è realtà davvero affascinante e che può suscitare grande curiosità in qualsiasi turista. La prima meta capace di suscitare molto interesse è ovviamente Algeri, vero e proprio esempio di realtà dove tutto, a partire dagli stili architettonici, rende l’idea di un luogo dove coesistono etnie diverse e dove sono visibili i segni della storia del Paese. Il primo luogo da visitare in città è senza dubbio il centro storico: tra gli edifici più importanti vi è sicuramente la Moschea Ketchaoua, risalente al 1400 e che durante la dominazione francese è stato il principale luogo di culto cattolico della città e del Paese. Ovviamente sono diversi i luoghi religiosi di interesse, ma vanno citati anche alcuni poli museali, come il Museo Nazionale di Belle Arti, dove sono visibili anche opere di Monet. Infine, prima di lasciare Algeri vale la pena soddisfare la propria curiosità storica e recarsi presso il Memoriale dei Martiri, che ricorda i morti durante la guerra di indipendenza dalla Francia.
Altra città molto interessante è Contantine, che si trova all’interno del Paese e che è davvero affascinante a partire dalla sua ubicazione, considerando che si trova su un picco di roccia. Questa realtà semi-rurale è nota come “la città dei ponti” per la presenza di diverse strutture di questo tipo e molto interessanti sono i caratteristici mercati in cui si può gironzolare. Per chi invece dovesse cercare una vacanza al mare ecco che allora Annaba è la località perfetta, uno dei fiori all’occhiello dell’Algeria grazie al mare cristallino che può offrire. Una curiosità dal punto di vista storico? Il fatto che questo luogo è stato quello in cui è nato Sant’Agostino.

Leggi anche

namibia

Guida Namibia

I deserti del Kalahari e del Namib, con le spettacolari dune di Sossusvlei, le più ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *