iMondonauti.it
Le tue guide di viaggio
 
NOME UTENTE
PASSWORD
password dimenticata?  
 

Principato di Monaco

 

 

 

 

 

(0 voti)

Autori: www.iMondonauti.it

 

Solo la Città del Vaticano è più piccola del Principato di Monaco eppure qui troverete concentrato tutto il "bel mondo" sportivo, dello spettacolo e della finanza internazionale. E' anche il Principato più "chiaccherato" del mondo ed ad alimentare questa sua fama hanno contribuito in maniera determinante, le vicende legate alla famiglia regnante: dapprima il matrimonio da favola del principe Ranieri III con la splendida attrice americana Grace Kelly, poi le turbolente vicende sentimentali dei tre figli Carolina, Alberto (ora principe regnante) e Stephanie. In divenire quelle dei nipoti...ma già i giornali specializzati si stanno attrezzando. Il Principato di Monaco ha fatto di tutto per alimentare questa sua caratteristica: non ci si va in gita scolastica, ma per vedere ed essere visti ed entrare, almeno per un giorno, nel clima da favola che tanto attira i cacciatori di gossip del jet set internazionale. Il tutto in una cornice degna di rispetto: alle spalle le Alpi Marittime, davanti quello stesso mare che poco più in là bagna la Costa azzurra, in mezzo hotel e ristoranti di lusso, un Casinò dove giocare in una manciata di minuti lo stipendio annuale di molti comuni mortali e un Museo oceanografico che fa dimenticare per un po' tanta mondanità. 
 

Passaporto e visto

Per entrare nel Principato di Monaco è sufficiente essere in possesso della carta d'identità valida per l'espatrio. Il confine con la Francia è aperto e si può passare senza alcuna formalità.

 

Vaccinazioni

Non è necessaria alcuna vaccinazione.

 

Ora

 

Il Principato di Monaco ha la stessa ora dell'Italia, sia in estate che in inverno.

 

Cosa vedere

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

  Monaco

Il Principato si può suddividere in 5 zone: Monaco-Ville, sulla rocca. Qui si può visitare il Palazzo del principe che sorge sul luogo dove sorgeva la fortezza dei genovesi, i giardini, la Cattedrale del 1875, il Museo Oceanografico; Condamine, la zona del porto e residenziale; Monte Carlo con il famoso Casinò che conserva ancor oggi il fascino della Belle Epoque ed è da visitare anche se solo per curiosità, la spiaggia, i lussuosissimi hotel; Fontvielle, 22 ettari strappati al mare dove sorgono complessi turistici, il porto per gli yacht e una zona industriale che non crea inquinamento; Moneghetti, con lo splendido Giardino esotico. Nel punto più alto del Principato inizia il percorso alle magnifiche grotte naturali, ricche di stalattiti e stalagmiti.  

Assistere al  Gran Premio automobilistico di MonteCarlo o tentare la fortuna al suo Casinò  sono  senz'altro delle ottime  occasioni per venire a visitare il Principato.

Per ulteriori notizie pratiche su cosa vedere:

Itinerari consigliati e raccontati





 

Quando andare

Il periodo migliore per visitare il Principato sono le stagioni intermedie: primavera ed autunno.

A metà maggio due sono le alternative: o siete appassionati di automobilismo e quindi non vi preoccuperete del super affollamento legato al Gran Premio di Formula Uno, o non lo siete e allora vi conviene andare a visitare Monaco in un altro periodo.

Anche l'inverno può rappresentare una buona occasione perché il clima è generalmente mite anche se potrete incontrare qualche giornata di pioggia. Ma anche a gennaio vale il discorso di cui sopra perché vi si disputa il Rally di Montecarlo.

 

Quanto stare

Uno-due giorni sono sufficienti per visitare il Principato.

 

Da mettere in valigia

Per fare una gita di una giornata basta un abbigliamento comodo e leggero, ma se avete intenzione di frequentare il Casinò oppure hotel e ristoranti di lusso è evidente che dovrete predisporre un abbigliamento elegante adeguato. 

 

Elettricità

La corrente elettrica è a 220 volt, le prese sono del tipo standard europeo.

É da tenere presente che gli adattatori non modificano in alcun modo la tensione o la frequenza della presa ma si limitano ad adattarne fisicamente l'ingresso alle spine italiane.

In questo paese ( Principato di Monaco) abbiamo un voltaggio di 127/220 V con una frequenza di 50 Hz , e le seguenti prese:

 

Europea a 2 poli

Britannica vecchio tipo a 3 poli
 

Francese a 2 poli con contatto di terra femmina

Tedesca a due poli con contatti di terra laterali
 
 
 

Ambasciate e indirizzi

 
Ambasciata e Consolati 
Ambasciata del Principato di Monaco in Italia Via Bertoloni 36, Roma
tel: 068083361
tel 2: 068077692, tel 3: 068077692
Consolato del Principato di Monaco in Italia Viale Angelico 32, Roma
tel: 0637517257
sito web: www.monaco.gouv.mc
Consolato generale d'Italia a Monaco Vilhena Street 5, Floriana, La Valletta
tel: 21233157/8/9, fax: 21235339
 
Turismo e Cultura 
Ufficio per il Turismo del Principato di Monaco Via Dante 12, Milano
tel: 0286458480, fax: 0286458469
tel 2: numero verde 800455250
sito web: www.monaco-tourism.com
Ufficio turistico Bd. des Moulins, Monaco
tel: 92166166
 
Sanità e Sicurezza 
Ambulanza o intervento medico tel: 15
tel 2: 93301945, tel 3: 93156699
Centre Hospitalier Princesse Grace av. Pasteur, Monaco
tel: urgenze 97989769
Medici e farmacie di guardia tel: 141
tel 2: 93253325 (se chiamate dalle cabine telefoniche)
Soccorso stradale tel: 0800089222 (numero verde)
 
 
 

Voli e come arrivare

Per raggiungere il Principato di Monaco con l'aereo è necessario atterrare a Nizza che dista da Monaco solo 22 km. Voli diretti da Milano e da Roma raggiungono la città francese rispettivamente in 45 min. e in 1 ora di volo. In 7 min. poi un servizio di elicotteri è in grado di portarvi direttamente a Monaco (www.heliair-monaco.com). Un'alternativa certamente più economica è costituita dai pullman di linea (bus direct) che vi consentono di raggiungere il Principato in circa 45 min. (www.rca.tm.fr); in auto a noleggio o in taxi impiegherete invece non più di 20 min. ma vi costerà di più.

 

Se optate per il treno i treni internazionali Milano-Marsiglia (Ligure) e il Ventimiglia-Parigi (Treno Blu) fermano entrambi a Monaco. Da Nizza ogni 20 min. circa ci sono collegamenti con la stazione di Monaco.

 

Distante 300 km da Milano e 680 km da Roma, il Principato di Monaco è raggiungibile comodamente in auto via Ventimiglia imboccando l'autostrada A10 che diventa A8 in Francia. Per Monaco, se provenite dall'Italia uscite a Roquebrune-Cap Martin, se provenite da Nizza prendete l'uscita Monaco.

 

Il Principato di Monaco è spesso una tappa delle crociere nel Mediterraneo.



 

Tasse di ingresso-imbarco

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

 

Spostarsi e trasporti

Voli interni

Mezzi pubblici

A Monaco ci si muove comodamente usufruendo del servizio pubblico (www.cam.mc per tariffe ed orari). Vi sono 5 linee di bus che consentono di raggiungere ogni destinazione. La tariffa è unica. Il servizio termina alle 21 quindi, dopo quell'ora, dovrete prendere un taxi. 

In alternativa potete salire sul treno turistico Azur Express che, in poco più di mezz'ora, vi consente di vedere tutte le maggiori attrattive del piccolo Principato. 

Mezzi a noleggio

Altri mezzi

Se arrivate con la vostra auto non avrete difficoltà di parcheggio: vi sono grandi parcheggi sotterranei dove lasciare la macchina. La circolazione delle auto sulla rocca è infatti molto limitata e riservata alle auto immatricolate nel Principato o nel dipartimento francese delle Alpi Marittime.

Patente

Carburante

 E' sufficiente la patente di guida italiana.



 

Hotel e pernottamento

A Monaco i prezzi sono in linea con il tenore di vita dei suoi abitanti quindi, in linea di massima, considerate sempre di spendere almeno un 50% in più di quanto spendereste in Italia per la stessa cosa. Se non avete problemi di budget, amate circondarvi di ogni comodità e cercate i massimi livelli di qualità e servizio non avrete alcun problema a pernottare a Monaco (www.monaco-hotel.com).

Se invece cercate di mantenere la spesa entro certi limiti vi conviene pernottare fuori Monaco: a non più di 10 min. di auto troverete ospitalità a Nizza o a Mentone (abbastanza care) oppure a Roquebrune-Cap Martin o ancora a Ventimiglia, Sanremo o Bordighera. Hotel economici a Monaco non ce ne sono!



 

Cucina e mangiare

I ristoranti a Monaco abbondano e sono spesso di eccezionale qualità (Alain Ducasse, stella fra gli chef, dirige il ristorante Louis XV), ma non si possono definire a buon mercato: o vi accontentate di uno spuntino o meglio che cerchiate qualcosa fuori del Principato. Mediamente infatti non si spendono mai meno di 75 euro a testa, potrete trovare qualcosa intorno ai 40-50 euro a Fontville.

 

Moneta e cambio

Moneta ufficiale del Principato di Monaco è l'euro nonostante il Principato non faccia parte dell'Unione Europea.

 

Le banche sono numerose (ne troverete molte nei pressi del Casinò) e sono aperte in genere dalle 8-9 del mattino fino alle 11.30-13 per poi riaprire dalle 13.30-14 fino alle 16.30-17.

Le carte di credito sono diffusissime e accettate ovunque. Con le carte di credito si possono ottenere anche anticipi in contante presso gli sportelli automatici che sono in funzione 24 ore al giorno.

 

Posta e telefono

Le poste monegasche sono efficienti. Troverete l'ufficio postale principale a Montecarlo (orario 8-19, sab. 8-12), altri uffici a Monaco Ville, a Condamine e nelle vicinanze della stazione ferroviaria.

 

Per telefonare dall'Italia al Principato di Monaco bisogna comporre lo 00377 seguito dal numero desiderato.

Per telefonare in Italia è necessario comporre lo 0039 seguito dal numero dell'abbonato.

Potrete acquistare le tessere prepagate presso gli uffici postali, i tabaccai, i supermercati e gli sportelli SNCF. Se invece volete chiamare a carico del destinatario dovete fare lo 0080039390001.

I cellulari funzionano regolarmente.

 

Sanità

Il Principato di Monaco ha strutture ospedaliere di ottimo livello e un'ottima assistenza sanitaria. Il cittadino italiano per poter ricevere gratuitamente l'assistenza medica eventualmente  necessaria deve provvedere, prima della partenza dall'Italia, a richiedere il mod. M/I/C8 alla propria Asl.

 

Sicurezza

Non è segnalato alcun problema degno di rilievo.

 

Comportamenti

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

 

Viaggiare con bambini

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

 

Viaggiatori disabili

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

 

Curiosità

 

La bandiera rossa e bianca di Monaco è identica a quella dell'Indonesia. Nonostante la prima sia più antica (1881) e nonostante le proteste elevate dal Principe affinchè lo stato asiatico modificasse la propria non c'è stato nulla da fare. 

 

James Bond è sempre stato un assiduo frequentatore del Casinò di Montecarlo.

 

Guide e libri

 
 

Geografia e territorio

Incuneato nella Francia con la quale confina, il Principato di Monaco (o Monaco soltanto) si stende ai piedi delle Alpi Marittime e si affaccia sul mare Mediterraneo.

Con una superficie di nemmeno 2 kmq, gode di 4,1 km di coste e il suo punto più alto (si fa per dire) è Mont Agel (140 m).

 

Ecologia e ambiente

Nessuno ha ancora proposto contenuti per questa parte della guida, vuoi farlo tu? comincia qui

 

Clima e meteo

Il Principato di Monaco gode di un eccellente  clima mediterraneo: inverni miti (8° C) ed estati mai troppo calde (25° C) con una media durante l'anno di 16° C e solamente 62 giorni di pioggia.

 

Popolazione

Solo 5070 persone hanno la cittadinanza monegasca, gli altri 25.000 abitanti di Monaco appartengono a 100  nazionalità diverse con una predominanza di francesi (oltre 12.000) e italiani (5000). 

 

Lingua

Lingua ufficiale del Principato di Monaco è il francese mentre il monegasco (monegu), una lingua ligure, viene insegnato nelle scuole. Nei vicoli della città vecchia i nomi delle strade sono in entrambe le lingue.

L'italiano è diffuso, parlato e capito, altrettanto l'inglese.

 

Religione

La religione di stato è quella cattolica, ma la Costituzione garantisce libertà di culto.

 

Storia

Colonizzato da Fenici, Greci (che forse gli diedero il nome: moinakos significa solitario e qui si venerava infatti Eracle moinakos, Ercole solitario) e Romani, la vera storia del Principato inizia nel 1215 con la costruzione, da parte dei genovesi di parte guelfa, della fortezza attualmente palazzo del principe di Monaco e la concessione al loro capo della sovranità sul territorio che circonda la medesima.

Nel 1297 Francesco Grimaldi, travestito da monaco, si impadronì della roccaforte che diventerà proprietà della famiglia nel 1314. Da questa data la famiglia Grimaldi governò e governa ininterrottamente il Principato tranne una breve parentesi tra il 1793 (periodo della rivoluzione francese) e il 1814, anno in cui il primo Trattato di Parigi rese il Principato ai Grimaldi.

Tra il 1848 e il 1860 il Principato perse l'80% del suo territorio poichè le città di Mentone e Roccabruna si dichiararono città libere mentre Nizza e Savoia furono cedute alla Francia; in cambio la Francia riconobbe la sua indipendenza e si impegnò da un lato a collegare Nizza a Monaco tramite la strada litorale, dall'altro a far fermare nel Principato la linea ferroviaria creata per unire Genova a Nizza (Accordi di Plombiers).

Il sovrano Carlo III, ritrovandosi con solo il 20% del territorio originario e senza le terre più ricche, creò quella che diventerà la vera fortuna di Monaco: il casinò e la prima spinta ad un turismo ricco che fu definitivamente sviluppato dal principe Ranieri III. Quest'ultimo, sposando l'attrice americana Grace Kelly, contribuì in maniera definitiva a fare di Monaco un Principato da favola.

 

Costituzione

Il Principato di Monaco è una monarchia costituzionale.

Capo dello Stato è il principe Alberto II di Monaco, succeduto nel 2005 al padre Principe Ranieri III. Il principe ha potere legislativo (insieme con il Consiglio nazionale) ed esecutivo, firma e ratifica i trattati. Il governo è esercitato da un Ministro di Stato, funzionario francese nominato dal principe e assistito dal Consiglio di Governo (Convenzione del 1930).

I cittadini monegaschi eleggono i 18 membri del Consiglio Nazionale che durano in carica 5 anni.

 

 

Amministrativamente il Principato è costituito da un solo comune che ricopre tutto il territorio statale: Monaco è infatti una città-stato.

 

Situazione politica

Il principe Ranieri di Monaco governò il Principato per oltre mezzo secolo contribuendo in maniera determinante a lanciarlo nel jet-set internazionale. Sviluppò le aree di Larvotto, Portier e Fontvielle strappandole al mare e diede impulso ad un turismo sempre più d'elite: a ciò contribuì in maniera determinante anche il suo matrimonio con la splendida attrice americana Grace Kelly, morta tragicamente in un incidente d'auto. Morto il principe Ranieri, nuovo Capo dello Stato è diventato suo figlio, il principe Alberto II di Monaco (2005).

 

Economia

Il Principato è sempre ai primissimi posti, in Europa, per la qualità della vita. Il PIL pro capite è di 27.000 USD.

L'eccezionale stabilità politica, l'assenza di imposte dirette (da cui sono esclusi i francesi residenti da dopo il 1957) e la presenza di un impenetrabile segreto bancario hanno fatto sì che il Principato diventasse un vero e proprio paradiso fiscale attirando nel piccolissimo Stato migliaia di ricchissimi esponenti dell'industria e dell'economia, del mondo sportivo e dello spettacolo e garantendo la durevolezza dei progetti industriali e degli investimenti.

Mentre limitate sono le attività agricole e la pesca, in ambito industriale vi sono invece industrie chimiche, meccaniche, tessili, elettrotecniche, del vetro e della ceramica, tutte con una qualità eccezionale: sono state realizzate mirando a contenere al minimo ogni forma di inquinamento.

 

Festival e tradizioni

 

A Monaco vi sono molteplici  eventi e manifestazioni di fama internazionale che richiamano appassionati di mezzo mondo oltre a tutta l'elite internazionale. Ne ricordiamo alcuni: a gennaio si disputa il Rally di Montecarlo, a metà maggio è imperdibile il GP di Formula 1. Sempre a gennaio si svolge il bellissimo Festival internazionale del circo, a marzo il Gran premio della magia (arrivano i migliori prestidigitatori del mondo), a luglio il Concorso internazionale dei fuochi d'artificio. Vi sono poi festival dedicati al balletto e alla musica classica, balli e gran galà a cui si accede però solo per invito. 

 

Feste nazionali: 1, 8 (giorno dedicato a Francesco Grimaldi) e 27 gennaio (Santa Devota, patrona dello Stato), Pasqua e lunedì di Pasqua, 1 maggio, Ascensione, Pentecoste, Corpus Domini, 23 giugno (S. Giovanni Battista), 9 (S. Roman) e 15 agosto, 1 e 19 novembre (festa nazionale), 8 dicembre.




Altre guide di questo continente:












sito premiato ItaliaWebStar
   

Invia le tue foto

Possiedi qualche bella immagine di questo Paese e vorresti che venisse pubblicata su questo sito?

Per inviare le tue immagini
iscriviti!

Per maggiori informazioni
guarda qui